Corso di Avvicinamento alla Danza
ed Uso del Corpo nello Spazio Scenico

CALENDARIO LEZIONI:

Le lezioni si terranno nella sede di via Massarenti 202/A il sabato:

  • 24 Ottobre dalle ore 9.00 alle ore 11.00
  • 7 Novembre dalle ore 15.00 alle ore 17.00
  • 21 Novembre dalle ore 9.00 alle ore 11.00
  • 5 Dicembre dalle ore 9.00 alle ore 11.00
  • 19 Dicembre dalle ore 9.00 alle ore 11.00

Quota di iscrizione:

Il costo del corso è di 75,00€ a partecipante.

+ 15,00€ di tessera associativa per i non-soci.

*N.B. Sono previsti rimborsi ed ore di recupero in caso di quarantena o lockdown, a seconda della specifica situazione.*

Si può volare con il corpo?

Si può toccare il cielo con un dito?

No certo che non si può, ma il nostro corpo ci è dato per noi e per gli altri.

Un primo avvicinamento alla danza ci permette una preparazione fisica adeguata allo studio delle varie tecniche, tecniche che ci faranno lavorare sulla dinamica del nostro corpo, sul senso del ritmo, della musicalità, sullo studio degli spazi. L’avvicinamento alla danza ci rende consapevoli delle potenzialità e dei limiti che ha il nostro corpo ci insegna ad avere una postura corretta, a migliorare forza, agilità ed elasticità articolare.

È noto che i bambini danzano in maniera del tutto naturale, sin da piccolissimi. Questo accade perché è proprio attraverso il movimento che riescono ad esprimere le loro emozioni e la loro personalità.

Ma io non so ballare? Ma io non ho ritmo? Ma io sono scoordinato? Ma a cosa serve ballare?

Se sai camminare, sai anche ballare.

Ballare non è diventare tutti come Roberto Bolle o Carla Fracci, ballare è acquisire la consapevolezza che conoscendo il mio corpo posso fare tante cose anche toccare il cielo con un dito e quindi posso volare.

Come si svolge una lezione?

Le parole chiave della danza educativa sono tre:

  • imparare attraverso il gioco;
  • educare al movimento;
  • fornire delle buone basi per ottenere grandi risultati.

Il tempo delle lezioni, di 120 minuti ciascuna, è così lungo perché necessita di un tempo di riscaldamento, un tempo di lezione effettiva e un tempo di revisione dl momento vissuto.

Alcuni esercizi saranno certamente più strutturati, altri più giocosi, ma lo scopo resta comunque quello di insegnare a danzare con semplicità: rispettando spazi, tempi e socialità.

Insegnante:

PRINCIPIA FORTUNATO